The demand for mercy is far from being for the sake only of the man who needs his neighbour’s mercy; it is greatly more for the sake of the man who must show the mercy. It is a small thing to a man whether or not his neighbour be merciful to him; it is life or death to him whether or not he be merciful to his neighbour. . . The reward of the merciful is, that by their mercy they are rendered capable of receiving the mercy of God—yea, God himself, who is Mercy.
— George MacDonald, “The Hope of the Gospel”

(Chiedere misericordia non serve affatto alla sola salvezza dell’uomo che chiede la misericordia del suo prossimo; serve assai di più alla salvezza dell’uomo che deve mostrare misericordia. È poca cosa, per un uomo, se il suo prossimo è misericordioso o no verso di lui; ma sarà questione di vita o morte se lui è misericordioso o no verso il suo prossimo. […] La ricompensa dei misericordiosi è che, attraverso la loro misericordia, essi sono resi capaci di ricevere la misericordia di Dio; anzi, Dio stesso, che è Misericordia).

 

Liturgia della XXVII domenica T.O.

Antifona d’ingresso

Tutte le cose sono in tuo potere, Signore,
e nessuno può resistere al tuo volere.
Tu hai fatto tutte le cose, il cielo e la terra
e tutte le meraviglie che vi sono racchiuse;
tu sei il Signore di tutto l’universo. (Est 4,17b)

Colletta

O Dio, fonte di ogni bene,
che esaudisci le preghiere del tuo popolo al di là di ogni desiderio e di ogni merito,
effondi su di noi la tua misericordia:
perdona ciò che la coscienza teme
e aggiungi ciò che la preghiera non osa sperare.
Per il nostro Signore Gesù Cristo…