Nel messalino di ieri, prima domenica di Avvento, c’era un articolo intitolato “All’alba del sole che sorge”, un brano tratto da un libro e proposto quale “Preghiera mattutina d’Avvento”.

In esso l’autore dice che vuole celebrare insieme a tutta l’umanità il Signore che sta venendo e poi si dilunga a parlare di Zaccaria, dell’annuncio fatto dai profeti e del fatto che il Signore mantiene le promesse.

Quarantaquattro righe per dire ciò che ogni mattina diciamo nelle Lodi quando recitiamo, appunto, il Cantico di Zaccaria. 

.

Benedetto il Signore Dio d’Israele,* perché ha visitato e redento il Suo popolo,

e ha suscitato per noi una salvezza potente* nella casa di Davide, Suo servo,

come aveva promesso* per bocca dei Suoi santi profeti di un tempo:

salvezza dai nostri nemici* e dalle mani di quanti ci odiano.

Così Egli ha concesso misericordia ai nostri padri* e si è ricordato della Sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,* di concederci. liberati dalle mani dei nostri nemici,

di servirLo senza timore in santità e giustizia,* al suo cospetto per tutti i nostri giorni. 

E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo,* perché andrai innalzi al Signore a prepararGli le strade,

per dare al Suo popolo la conoscenza della salvezza* nella remissione dei suoi peccati,

grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,* per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge,

per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre e nell’ombra della morte* e dirigere i nostri passi sulla via della pace. 

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo, come era nel principio, e ora e sempre, nei secoli dei secoli. Amen.

.

Comprendo che a volte occorrano spiegazioni. Io ho impiegato almeno dieci anni a comprendere, da me, che il cantico di Zaccaria riguarda il fatto che il Signore mantiene le promesse che fa.

(A un certo punto, per la verità, chiesi lumi a uno che ritenevo dovesse saperne qualcosa, ma era l’uno sbagliato. Purtroppo non sono una che fa tante domande)

Sì, le spiegazioni ci vogliono. Quella però pretendeva di essere una preghiera: lunga una quaresima e scritta in prosa. Se vuoi scrivere una preghiera lunga, devi farlo in poesia, altrimenti non conquisterai il cuore di nessuno. Non per niente i salmi sono poesie.